Non hanno tutti ragione

Alberto_SordiSu “la Repubblica” del 17 gennaio, Michele Serra ha commentato il caso Charlie Hebdo e l’uscita di papa Francesco, secondo cui la libertà di parola deve avere dei limiti e, se questi limiti vengono superati, è giusto attendersi delle reazioni, anche violente. Serra esordisce scrivendo che “è sbagliato pretendere che un Papa sia favorevole alla satira sulle religioni. È sbagliato pretendere che un giornale di satira rinunci a fare satira sull’Islam”. E aggiunge: “Hanno tutti ragione”.

Il papa aveva detto: “Se il dottor Gasbarri, che è un amico, dice una parolaccia contro la mia mamma, lo aspetta un pugno! Ma è normale! Non si può provocare. Non si può insultare la fede degli altri. Non si può prendere in giro la fede”. Al contrario, i disegnatori assassinati nella redazione di Charlie Hebdo pensavano che si può insultare la fede degli altri, si può provocare e non è giusto che qualcuno si senta legittimato a reagire con un pugno (tantomeno con un fucile mitragliatore).

Per Michele Serra e tanti altri il papa e i disegnatori hanno tutti ragione e la soluzione di questo disaccordo sta nel “gestire al meglio” queste ragioni contrapposte e ugualmente valide. Non c’è quindi un criterio che ci consenta di stabilire chi ha torto e chi ha ragione. Anzi, non esiste una ragione, ma ognuno ha le sue ragioni e nessuno può dire quali siano migliori delle altre. Bisogna solo gestirle, barcamenarsi, come un vigile urbano al centro di un ingorgo.

E’ chiaro che seguendo il consiglio di Serra dovremmo abdicare completamente a qualsiasi giudizio morale e politico. Se hanno tutti ragione, insomma, nessuno ha ragione. Allora, proseguendo la lista di Serra, è anche sbagliato pretendere che un omofobo accetti che due omosessuali possano tenersi per mano in pubblico; è sbagliato pretendere che un fascista accetti le libere elezioni democratiche; è sbagliato pretendere che un razzista accetti che sul suo stesso tram ci siano degli africani. Nel momento in cui ci basiamo sul sentimento di offesa per valutare le idee degli altri, rinunciamo a regolare i nostri rapporti con ragione e ci arrendiamo agli impulsi più beceri. Perché mai Serra non mostrerebbe alcuna simpatia per il sentimento di offesa di un fascista, ma riserva un trattamento speciale alla religione?

Uno degli ostacoli maggiori a un discorso pubblico razionale sulla strage di Charlie Hebdo è proprio la speciale tutela che i religiosi pretendono riguardo alla loro ideologia e che molti laici accettano di concedere per un malinteso senso del pluralismo che nasconde il più rozzo dei relativismi. Tra chi non è favorevole alla satira sulle religioni e chi non vuole essere costretto a rinunciare alla satira sull’Islam, uno ha torto e l’altro ha ragione. Le idee non sono tutte uguali e bisogna poter discutere razionalmente e serenamente di quali siano le migliori e quali le peggiori. Concedere a un argomento lo status di territorio franco – si tratti di Gesù, dell’Islam o della mamma di Bergoglio – non significa rispettarlo di più, ma di meno: perché qualcosa che non può essere preso in giro (così come qualcosa di cui non si può giudicare torto e ragione) è qualcosa che ha poco a che vedere con la ragione e l’intelligenza, e molto con l’istinto e l’irragionevolezza. Il mondo a cui dovremmo aspirare non è quello in cui vigili urbani pazienti provano a gestire il traffico di beceri istinti in conflitto tra loro, ma quello in cui la discussione razionale distingue le stupidaggini dalle cose ragionevoli, le reazioni cattive da quelle buone, la ragione dal torto.

Annunci

One thought on “Non hanno tutti ragione

  1. L’ha ribloggato su e ha commentato:
    Quando qualcuno ha già scritto quello che volevi scrivere te, come e molto probabilmente meglio di come lo avresti scritto te, beh allora puoi solo ribloggare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...